RSS

Calabria: Consigliere regionale Rappoccio arrestato per truffa- corruzione e peculato.

28 Ago

 

gdf-rappoccio

Reggio Calabria, 28 agosto – E’ stato arrestato all’alba di oggi dalla guardia di finanza il consigliere regionale della Calabria Antonio Rappoccio (Lista Scopelliti presidente in quota Pri) I reati contestati sono quelli di: associazione per delinquere, corruzione elettorale aggravata, truffa e peculato in esecuzione. Secondo la Procura generale, che ha avocato l’inchiesta a giugno, Rappoccio avrebbe ideato un meccanismo che gli consentisse di essere eletto, e di tentare di fare eleggere al Consiglio comunale di Reggio, nel 2011, Elisa Campolo. Inoltre, attraverso la costituzione di società fantasma avrebbe promesso, in occasione delle comunali del 2011, un posto di lavoro in cambio del voto alla stessa Campolo.

Società fantasma in cambio di voti

“Un rodato e cinico meccanismo di raccolta del consenso elettorale” così riferiscono dalla guardia di finanza di Reggio Calabria sul sistema messo in campo dal consigliere regionale della Calabria Antonio Rappoccio, del gruppo Insieme per la Calabria-Scopelliti. Il gruppo di cui fa parte Rappoccio è composto da Pri e Udeur e non è inserito nella lista Scopelliti presidente. Il meccanismo che sarebbe stato ideato da Rappoccio, secondo l’accusa,” ha operato attraverso l’attività di società strumentali che con il fine apparente di selezionare aspiranti lavoratori, ne captava e canalizzava il voto speculando sui bisogni e le aspettative di tanti giovani”. La Procura generale, accogliendo una serie di richieste avanzate da Aurelio Chizzoniti, primo dei non eletti nella lista insieme per la Calabria e presentatore anche dell’esposto che ha dato il via all’inchiesta della Procura della Repubblica, ha avocato nel giugno scorso l’inchiesta della Procura a carico di altre 17 persone che aveva già portato al rinvio a giudizio, per corruzione elettorale semplice, di Rappoccio. L’avvocato generale dello Stato Francesco Scuderi, che ha avocato le indagini, contestualmente all’emissione dell’avviso di garanzia, aveva disposto una serie di perquisizioni effettuate ai primi di luglio dalla guardia di finanza a carico di Rappoccio e di altre cinque persone, Elisa Campolo, Luigi Mariani, Domenico Lamedica, Maria Antonia Catanzariti e Loredana Tolla. Il politico, inoltre, in concorso con altri, e “attraverso la costituzione dell’ennesima società fantasma”, la Sud Energia, e l’invio di lettere a firma del presidente del consiglio di amministrazione, ha indotto in errore un gran numero di elettori cui veniva promesso, in occasione delle elezioni comunali del maggio 2011, un posto di lavoro in cambio del voto a Elisa Campolo. Il consigliere regionale è accusato anche di truffa perché, per la Procura generale, insieme agli altri indagati, avrebbe indotto circa 850 persone a iscriversi alla cooperativa Alicante pagando 15 euro ed a partecipare, con il pagamento di altri 20 euro, ad un concorso “superando il quale, a dire del Rappoccio e dei suoi correi, avrebbero avuto concrete possibilità di lavoro”. Il peculato, invece, è stato contestato perché, per convocare tutti coloro che lo avrebbero votato, hanno effettuato numerose telefonate dagli apparecchi installati nella sede del gruppo di Pri nel palazzo comunale di Reggio Calabria.

Salgono a tre i consiglieri regionali della Calabria arrestati

Con l’arresto di Antonio Rappoccio salgono a tre i consiglieri regionali della Calabria arrestati nel corso di questa legislatura, iniziata nel 2010. In precedenza sono stati arrestati Santi Zappalà, che poi si è dimesso dall’incarico, e Franco Morelli, entrambi del Pdl, che é stato sospeso. Zappalà è stato arrestato nel dicembre 2010 nell’ambito di un’inchiesta della Dda di Reggio Calabria con l’accusa di avere incontrato Giuseppe Pelle, boss dell’omonima cosca di San Luca, andandolo a trovare nella sua abitazione a Bovalino per chiedere il suo sostegno in occasione delle elezioni per il rinnovo del Consiglio regionale del 28 e 29 marzo 2010. Zappalà è stato poi condannato, il 15 giugno 2011, dal gup di Reggio a quattro anni di reclusione per corruzione elettorale aggravata dalle modalità mafiose. Francesco Morelli è finito in manette il 30 novembre del 2011 nell’ambito di un’inchiesta della Dda di Milano per presunti rapporti con la cosca della ‘ndrangheta Lampada-Valle, attiva nel capoluogo lombardo, nel corso della quale furono arrestati anche l’allora presidente della sezione misure di prevenzione del Tribunale di Reggio Calabria Vincenzo Giglio e l’avvocato Vincenzo Minasi. Il processo nei confronti di Morelli, accusato di concorso esterno in associazione mafiosa, é in corso a Milano. Antonio Rappoccio, arrestato stamani, è già stato rinviato a giudizio per corruzione elettorale nell’ambito della stessa vicenda che poi ha avuto ulteriore impulso dopo l’avocazione da parte della Procura generale di Reggio Calabria che ha ipotizzato nei confronti del consigliere anche i reati di associazione per delinquere, truffa e peculato, oltre a quello di corruzione elettorale aggravata. Il processo a Rappoccio è stato fissato per il 6 dicembre prossimo e si riferisce al primo filone di indagine coordinato dalla Procura della Repubblica.

Avvocato di Rappoccio: Da Pg no interrogatorio

“Rispettiamo il provvedimento adottato, e quando ho potuto incontrare stamani l’on. Rappoccio, lo stesso mi ha confermato la piena fiducia nei confronti dell’operato dei magistrati”. Lo ha detto l’avv. Giacomo Iaria, difensore di Antonino Rappoccio. “Ciò che comunque si intende ribadire – ha proseguito – e che a proposito delle esigenze cautelari fondanti il provvedimento restrittivo e che al di là delle mere aspirazioni elettorali, alcun dato formale porterebbe ad escludere una candidatura di Rappoccio al Parlamento nazionale, come peraltro solamente dedotto da una dichiarazione resa alla polizia giudiziaria da Pasquale Tommasini. Lo stesso mandatario elettorale di Rappoccio e poi suo accusatore principale a seguito di un litigio elettorale. Inoltre, non è chiaro nell’ordinanza il collegamento tra Domenico Lamedica e Rappoccio, considerato che, allo stato, non risulta da nessuna parte una partecipazione, formale o sostanziale, che il mio assistito avrebbe avuto con la società ‘Sud Energia’ o con la cooperativa ‘Alicante’. Ed ancora, Rappoccio, proprio a seguito dell’incessante campagna mediatica di cui è stato oggetto, aveva chiesto, tramite me, al dottor Scuderi, lo scorso 30 luglio, di potere rendere dichiarazioni a chiarimento della vicenda, ricevendone un garbato rifiuto”. “Rispettiamo quella decisione – ha concluso l’avv. Giacomo Iaria – ma ci chiediamo perché non abbia voluto aderire alla nostra richiesta”. Rappoccio sarà interrogato in carcere dal gip venerdì prossimo alle 9.30 per rispondere delle nuove accuse

Laratta (Pd): Lo condannino a vent’anni

“Vent’anni di carcere a chi inganna gente disperata in cambio di voti!”. Lo afferma, in una nota, il deputato del Pd Franco Laratta facendo riferimento all’arresto del consigliere regionale della Calabria Antonio Rappoccio. “In una terra come la nostra, dove la metà dei giovani è senza lavoro e dove un quarto delle famiglie è scivolata sotto la soglia della povertà – aggiunge Laratta – chi cerca voti con l’inganno merita vent’anni di carcere e la cancellazione da tutti i registri civili e politici. Il fatto che il consigliere regionale Rappoccio avrebbe indotto 850 persone a iscriversi, versando 15 euro, ad una cooperativa e a partecipare, pagando 20 euro, a un concorso, superando il quale avrebbero avuto concrete possibilità di lavoro, è di una gravità assoluta”. “E siccome di Rappoccio in Calabria non ce n’é uno solo – conclude il deputato del Pd – sarebbe bene intensificare le indagini per punire i colpevoli di un delitto davvero volgare e imperdonabile”.

Annunci
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 28 agosto 2012 in Notizie & Politica

 

Tag:

Lascia un Commento:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
Il Resto del Caffè

Antiquotidiano di informazione e cultura

camperista59

This WordPress.com site is the bee's knees

Contro*Corrente

by Gianluca

Tutto il Fango Minuto per Minuto

✰ ✰ ✰ ✰ ✰ la Controinformazione ✰ ✰ ✰ ✰ ✰

CARLOANIBALDIPOST.COM

HannibalCarlo WordPress blog, just another

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: