RSS

Archivio mensile:dicembre 2013

Lamezia: Movimento 5 Stelle ricorre a Tar per aumento illegittimo Imu.


m5s-aumento-imu.jpg

Lamezia Terme – Blitz del MeetUp Movimento 5 Stelle in consiglio comunale mentre si torna a discutere di Bilancio. Quelli del MeetUp lametino hanno distribuito dei volantini in cui l’ultimo aumento dell’aliquota Imu, stabilito dal consiglio in precedente seduta, sarebbe in realtà illegittimo ed annunciano ricorso al Tar per annullare il provvedimento. Di seguito quanto scritto nel volantino del M5S.

“Il bilancio previsionale 2013, all’ordine del giorno del consiglio comunale convocato per oggi pomeriggio, a prescindere da tutte le considerazioni di natura politica già evidenziate, non può e non deve essere approvato perché contiene almeno una voce, di rilevante entità, in base ad una delibera consiliare illegittima. Ci riferiamo alla delibera n. 49 del 2 dicembre 2013 con la quale il nostro consiglio comunale ha determinato l’aumento dell’aliquota Imu per l’anno 2013, fino al 6 x 1000 per le abitazioni principali e fino al 10,6 x 1000 per gli altri immobili con la conseguenza che i lametini saranno costretti a pagare una somma molto maggiore per assolvere al loro obbligo di versare l’Imu entro la data di scadenza prevista del 16 dicembre 2013. Tale maggior somma, pari a svariati milioni di euro, è stata inserita nel Bilancio previsionale portato oggi in aula dal Sindaco per l’approvazione. Leggendo le carte, tuttavia, noi del Meetup del Movimento Cinque Stelle di Lamezia Terme, abbiamo scoperto che la delibera è stata adottata oltre il termine previsto dalla legge che è espressamente stabilito nella data del 30 novembre 2013 – ai sensi dell’art. 8, comma 1, del D.L. n.102 del 31/08/2013, convertito in L. 124 del 28 ottobre 2013 n. 124 – come del resto, e paradossalmente, viene evidenziato nella medesima delibera comunale. Ne deriva che la Giunta non avrebbe potuto e dovuto inserire tra le voci di bilancio, quella corrispondente al gettito fiscale previsto per l’anno 2013, per effetto dell’aumento dell’Imu, ma, ai sensi dell’art. 1, comma 169, della L. n. 296/2006, l’aliquota da applicare adesso doveva essere uguale a quella del 2012. Per tali motivi noi del Meetup, a tutela di tutti i cittadini di Lamezia Terme, abbiamo deciso di proporre ricorso al Tar di Catanzaro per chiedere l’annullamento della delibera illegittima e per ripristinare la legalità nell’azione amministrativa di cui questa Amministrazione è stata falsa promotrice.

http://www.lametino.it/Ultime/lamezia-movimento-5-stelle-ricorre-a-tar-per-aumento-illegittimo-imu.html

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 15 dicembre 2013 in Notizie & Politica

 

Tag:

Calabria: Soldi tasse usati per fare acquisti su internet, truffa da 30 milioni.


soldi-truffa-13-12-13.jpg

Cosenza – Soldi delle tasse pagate dai cittadini, invece di essere girati ai comuni, venivano utilizzati per fare shopping su internet o giustificati con spese per false consulenze. A scoprire la truffa, i militari del Nucleo di polizia valutaria della Guardia di finanza di Reggio Calabria, che ha quantificato in oltre 30 milioni l’importo sottratto ai 50 comuni calabresi cui spettava il denaro versato dai cittadini.

I circa 30 milioni di tributi versati dai contribuenti, secondo quanto hanno ricostruito i finanzieri, sono finiti nelle tasche dei responsabili della So.ge.fi.l. Riscossione Spa, una società cosentina operante nel settore della riscossione per conto di enti pubblici territoriali. L’inchiesta, partita nei mesi scorsi, aveva già portato a luglio scorso all’arresto dei 4 responsabili della società, accusati di associazione a delinquere e peculato. Ora i finanzieri hanno quantificato il danno causato ai Comuni e segnalato alla Procura regionale della Corte dei Conti di Catanzaro 21 persone. Si tratta di uomini “legati”, secondo l’accusa, alla So.ge.fi.l. Nel corso delle indagini, coordinate dalla Procura di Cosenza, i finanzieri hanno scoperto che i soldi dei cittadini, versati per l’Imu o per la Tares, venivano in realtà utilizzati per fare shopping su internet, per il pagamento di fantomatiche consulenze, o per elargire compensi agli amministratori della società di riscossione. Tra i comuni truffati, circa 50 che, nel periodo 2005-2012, hanno affidato il servizio di accertamento e riscossione alla società, quelli maggiormente danneggiati sono risultati Nicotera (Vv), al quale sono stati sottratti quasi 8,5 milioni, Cariati (Cs) che ha subito un danno di 4,3 milioni, Nocera Terinese (Cz) di 2,2 milioni, Parghelia (Vv) di 1,8 milioni, Amantea (Cs) e Falconara Albanese (Cs) per circa 1,5 milioni. L’indagine non è ancora conclusa. La Guardia di finanza vuole infatti accertare le eventuali responsabilità patrimoniali dei pubblici amministratori che con il loro comportamento hanno consentito alla società di provocare il danno alle casse pubbliche.

http://www.lametino.it/Cronaca/calabria-soldi-tasse-usati-per-fare-acquisti-su-internet-truffa-da-30-milioni.html

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 13 dicembre 2013 in Notizie & Politica

 

Tag:

10 RIMEDI NATURALI PER DEPURARSI DAI METALLI PESANTI.


frullati_disintossicanti

Imetalli pesanti possono causare allergie, intolleranze e intossicazioni.

Possono avere effetti cancerogeni e interferire con i nostri geni. Pensiamo, ad esempio, all’ampia diffusione dell’allergia al nichel, uno dei metalli pesanti più diffusi, tra i quali troviamo, tra gli altri, anche arsenico, cadmio, piombo, mercurio, cromo, alluminio e cobalto.

I metalli pesanti entrano a contatto con il nostro organismo soprattutto attraverso i cibi che ingeriamo e l‘aria inquinata che respiriamo.

Ecco alcuni consigli per iniziare a depurarsi dai metalli pesanti e per ridurre l’esposizione alle tossine.

1) Zeolite

La Zeolite è un minerale di origine vulcanica. E’ considerata un vero e proprio spazzino dell’organismo. La sua struttura microporosa permette l’assorbimento dei metalli pesanti e delle sostanze dannose che circolano nel nostro corpo. Viene spesso utilizzata negli apparecchi ionizzatori e alcalinizzatori per purificare l’acqua di casa. Per una vera e propria disintossicazione dai metalli pesanti, si consiglia di assumere 1 cucchiaino di zeolite in polvere 30 minuti prima dei pasti principali.

2) Clorella

L’alga clorella è una microalga unicellulare che vive nelle acqua dolci. La sua assunzione come rimedio naturale favorisce l’eliminazione dei metalli pesanti e l’espulsione delle scorie da parte dell’organismo. E’ in grado di ridurre le reazioni allergiche e gli stati infiammatori dovuti all’accumulo di metalli pesanti nel nostro corpo. Può essere acquistata in erboristeria sotto forma di integratore naturale alimentare in capsule.

3) Coriandolo

Il coriandolo, conosciuto anche come prezzemolo orientale o cinese, svolge un’interessante azione chelante nei confronti dei metalli pesanti. E’ particolarmente utile per la rimozione del mercurio che può essere presente negli spazi tra le cellule e nel nucleo cellulare. L’accumulo di mercurio può causare danni al Dna. E’ efficace anche contro cadmio, piombo e alluminio presenti nelle ossa o nel sistema nervoso. Si consiglia di assumere il coriandolo accompagnato dalla clorella, in modo che le tossine non vengano riassorbite.

4) Curcuma

La curcuma è una spezia di origine orientale molto preziosa e ricca di proprietà benefiche. Tra di esse troviamo la capacità di purificare l’organismo dalle tossine, dai metalli pesanti e dagli agenti inquinanti. Purifica il sangue, facilitala digestione e la depurazione dell’organismo. Le proprietà della curcuma, come comprovato da recenti ricerche scientifiche, vengono attivate in abbinamento al pepe nero. Non dimenticate, dunque, di aggiungere ai vostri piatti un pizzico di entrambe le spezie. Per l’impiego della curcuma a scopo curativo, come integratore, è bene rivolgersi ad un erborista. Per potenziare gli effetti benefici della curcuma, si consiglia, infine, di abbinarla allo zenzero.

5) Aglio

L’aglio non è un semplice alimento, ma un vero e proprio medicinale naturale. E’ conosciuto e utilizzato fin dall’antichità come rimedio naturale per purificare il sangue e migliorare la circolazione. E’ in grado di respingere le tossine dal corpo per via del suo contenuto di zolfo. L’abbondante presenza di selenio bioattivo nell’aglio lo rende efficace per proteggerci dalla tossicità del mercurio. Lo zolfo, invece, contribuisce ad ossidare metalli pesanti come cadmio e piombo, rendendoli solubili in acqua.

6) Acqua e limone

Per ottenere acqua pura, libera dai metalli pesanti e alcalina, è possibile rivolgersi ad alcuni strumenti adatti a renderla alcalina e a depurarla dalle sostanze indesiderate. Bere acqua e limone la mattina presto permette di compiere una profonda pulizia del nostro organismo, favorendo l’eliminazione delle tossine e dei metalli pesanti. Questo rimedio naturale rafforza il sistema immunitario e regola il metabolismo.

7) Frutta e verdura bio

La frutta e la verdura coltivate industrialmente e con l’utilizzo di pesticidi e di fertilizzanti chimici possono rappresentare una delle fonti di metalli pesanti provenienti dalla nostra alimentazione. Scegliere frutta e verdura biologica, o comunque coltivata in modo naturale, permette di limitare la nostra esposizione ai metalli pesanti contenuti nei fitofarmaci. Il consumo stesso di frutta e verdura, ricca d’acqua, favorisce l’espulsione da parte dell’organismo dei metalli pesanti. I maggiori vantaggi, soprattutto dal punto di vista dell’eliminazione delle tossine da parte dell’intestino, si otterrebbero consumando frutta e verdura cruda e biologica.

8) Bentonite

La bentonite è una particolare forma di argilla conosciuta da secoli per le numerose proprietà curative. Viene impiegata da secoli sia come integratore alimentare che per il trattamento delle malattie. E’ ritenuta utile per assorbire virus e tossine. E’ considerata un vero e proprio chelante naturale, efficace per rimuovere i metalli pesanti accumulati nell’organismo. La bentonite, che contiene ioni negativi, sarebbe in grado di attirare le tossine, cariche positivamente. Per una cura disintossicante e chelante a base di bentonite, è bene rivolgersi ad un esperto.

9) Psyllium

Lo psillio, conosciuto anche come Plantago ovata o Plantago psyllium, è uno dei rimedi naturali più noti contro la stitichezza. L’accumulo di tossine e di metalli pesanti può essere dovuto ad un cattivo funzionamento dell’intestino. Per favorire la rimozione e l’espulsione delle sostanze indesiderate, è possibile assumere lo psillio sotto forma di integratore naturale o di decotto. Per una cura a base di psillio, personalizzata in base alla propria condizione di salute, è bene rivolgersi ad un erborista.

10) Omega-3

L’assunzione di integratori e di alimenti ricchi di omega-3 è considerata utile per aiutare il nostro organismo a depurarsi dai metalli pesanti. E’ però necessario porre particolare attenzione alle fonti da cui gli omega-3 provengono. Le tipologie di pesce più ricche di omega-3 possono presentare un elevato contenuto di metalli pesanti. Pensiamo, ad esempio, al salmone. E’ però possibile reperire in commercio integratori a base di acidi grassi essenziali di origine vegetale. Le sostanze necessarie al nostro organismo per la formazione degli omega-3 sono inoltre presenti nei semi di lino, nelle noci e nell’olio di lino.

FONTE: Marta Albè (Greenme)

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 13 dicembre 2013 in Notizie & Politica

 

Tag:

 
Il Resto del Caffè

Antiquotidiano di informazione e cultura

camperista59

This WordPress.com site is the bee's knees

Contro*Corrente

by Gianluca

Tutto il Fango Minuto per Minuto

✰ ✰ ✰ ✰ ✰ la Controinformazione ✰ ✰ ✰ ✰ ✰

CARLOANIBALDIPOST.COM

HannibalCarlo WordPress blog, just another

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: