RSS

Calabria: Soldi tasse usati per fare acquisti su internet, truffa da 30 milioni.

13 Dic

soldi-truffa-13-12-13.jpg

Cosenza – Soldi delle tasse pagate dai cittadini, invece di essere girati ai comuni, venivano utilizzati per fare shopping su internet o giustificati con spese per false consulenze. A scoprire la truffa, i militari del Nucleo di polizia valutaria della Guardia di finanza di Reggio Calabria, che ha quantificato in oltre 30 milioni l’importo sottratto ai 50 comuni calabresi cui spettava il denaro versato dai cittadini.

I circa 30 milioni di tributi versati dai contribuenti, secondo quanto hanno ricostruito i finanzieri, sono finiti nelle tasche dei responsabili della So.ge.fi.l. Riscossione Spa, una società cosentina operante nel settore della riscossione per conto di enti pubblici territoriali. L’inchiesta, partita nei mesi scorsi, aveva già portato a luglio scorso all’arresto dei 4 responsabili della società, accusati di associazione a delinquere e peculato. Ora i finanzieri hanno quantificato il danno causato ai Comuni e segnalato alla Procura regionale della Corte dei Conti di Catanzaro 21 persone. Si tratta di uomini “legati”, secondo l’accusa, alla So.ge.fi.l. Nel corso delle indagini, coordinate dalla Procura di Cosenza, i finanzieri hanno scoperto che i soldi dei cittadini, versati per l’Imu o per la Tares, venivano in realtà utilizzati per fare shopping su internet, per il pagamento di fantomatiche consulenze, o per elargire compensi agli amministratori della società di riscossione. Tra i comuni truffati, circa 50 che, nel periodo 2005-2012, hanno affidato il servizio di accertamento e riscossione alla società, quelli maggiormente danneggiati sono risultati Nicotera (Vv), al quale sono stati sottratti quasi 8,5 milioni, Cariati (Cs) che ha subito un danno di 4,3 milioni, Nocera Terinese (Cz) di 2,2 milioni, Parghelia (Vv) di 1,8 milioni, Amantea (Cs) e Falconara Albanese (Cs) per circa 1,5 milioni. L’indagine non è ancora conclusa. La Guardia di finanza vuole infatti accertare le eventuali responsabilità patrimoniali dei pubblici amministratori che con il loro comportamento hanno consentito alla società di provocare il danno alle casse pubbliche.

http://www.lametino.it/Cronaca/calabria-soldi-tasse-usati-per-fare-acquisti-su-internet-truffa-da-30-milioni.html

Annunci
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 13 dicembre 2013 in Notizie & Politica

 

Tag:

Lascia un Commento:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
Il Resto del Caffè

Antiquotidiano di informazione e cultura

camperista59

This WordPress.com site is the bee's knees

Contro*Corrente

by Gianluca

Tutto il Fango Minuto per Minuto

✰ ✰ ✰ ✰ ✰ la Controinformazione ✰ ✰ ✰ ✰ ✰

CARLOANIBALDIPOST.COM

HannibalCarlo WordPress blog, just another

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: