RSS

Archivio mensile:gennaio 2014

Phillip Morris presenta sigarette Marlboro Marijuana.


Philip Morris , il più grande produttore di sigarette al mondo, ha annunciato oggi che si uniranno al carrozzone legalizzazione della marijuana e iniziare a produrre sigarette di marijuana . Commercializzato con il marchio ” Marlboro M” , saranno resi sigarette disponibili per la vendita attraverso punti vendita di marijuana con licenza nello stato del Colorado, e lo stato di Washington, quando diventa commercialmente legale ci entro la fine dell’anno .

Serafin Norcik , Sr. Vice President Phillip Morris ‘ per il Marketing ha detto in un’intervista che l’azienda è stata elevata l’idea del marketing cannabis , ed è stato il monitoraggio del mercato per qualche tempo . Fu solo quando le recenti iniziative legalizzazione – vincenti in Colorado e Washington – che hanno finalmente preso la decisione di fare un salto di fede .

Norcik aggiunto che hanno iniziato contattando gli ex signori della droga in Messico e Paraguay , attualmente il più grande paesi marijuana producono in tutto il mondo , per la possibilità di creare un anello di distribuzione in tutto il Nord e continenti del Sud America , per razionalizzare le linee di alimentazione .

Dal momento che solo i prodotti del tabacco sono attualmente vietati in pubblicità e promozioni negli Stati Uniti , Phillip Morris ha anche stanziato un enorme 15 miliardi dollari budget pubblicitario proprio per promuovere il nuovo ” Marlboro M” e sono ora negoziando con i principali network ed editori , per iniziare la commercializzazione il prodotto ai consumatori all’inizio del 2015 .

Norcik ha anche rivelato che una grande spinta iniziale è previsto intorno a gennaio del prossimo anno , e hanno acquisito la maggior parte del tempo di trasmissione annuncio Superbowl XLIX . Tuttavia, poiché la marijuana sarà legale solo in Colorado e Washington durante il Superbowl 2015 , tutti gli annunci saranno oscurati in tutti gli altri Stati e mostreranno solo un logo statico “M” con il fumo che soffia sullo sfondo , per tutta la durata del annuncio.

Azioni Phillip Morris ha colpito un massimo storico sulla notizia marijuana e girato fino a 998,00 dollari da 83,03 dollari a poche ore dopo l’annuncio andato pubblico .

Annunci
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 25 gennaio 2014 in Notizie & Politica

 

Tag:

Lamezia: Le misure fiscali adottate dal Comune per il 2013.


comune_lamezia.jpg

Lamezia Terme – Il Comune di Lamezia in una nota comunica di “aver adottato  diverse misure fiscali: niente addizionale Irpef comunale per i redditi bassi, tassa sui rifiuti più bassa rispetto alle altre città calabresi ed esenzioni su Imu seconda casa”.

In particolare queste le misure:

Addizionale Irpef

L’addizionale Irpef è stata fissata allo 0,8% con esenzione per i redditi inferiori a 15.000 euro. Nel 2012 i redditi fino a 15.000 euro, che oggi sono esentati, avevano un’imposta pari allo 0,35%. Con la manovra così strutturata, su 39.049 contribuenti in città, 23.018 (corrispondenti al 58,95% dei contribuenti) risulteranno nella fascia di esenzione. L’imposta inoltre non è dovuta se il saldo a debito è inferiore ai 12 euro.

  • 11.073 (pari al 51,72% su un totale di 21.410) saranno i contribuenti con reddito da lavoro dipendente esentati dal pagamento dell’imposta. La cifra corrisponde circa ad uno stipendio mensile di lordo di € 1.250.
  • 7.910 (pari al 64,35% su un totale di 12.292) saranno i contribuenti con reddito da pensione esentati dal pagamento dell’imposta.
  • 966 (pari al 69,70% su un totale di 1.386) saranno i contribuenti con reddito d’impresa esentati.

Tassa sui rifiuti.

Il Comune di Lamezia Terme non ha adottato la Tares, la nuova tassa sui rifiuti e servizi che differenzia il prelievo fiscale, oltre che sulla base dei metri quadrati della superficie coperta dell’immobile, anche da altre variabili: per le famiglie sarebbe stata proporzionalmente legata ai componenti il nucleo familiare. Più la famiglia è numerosa, più sarebbe stata alta la tassa; per le imprese sarebbe stata legata alla tipologia di attività, con peso nella distribuzione del gettito molto maggiore rispetto alla Tarsu. Ad esempio: per un Ristorante o Pizzeria di 300 mq la Tares sarebbe costata al ristoratore 7.497,90 euro. Quindi circa il triplo dell’anno 2012! Di contro la Tarsu applicata dal comune rimane pari a 2.040 euro. un’attività di Ortofrutta, pescherie, fiori e piante, pizza al taglio, etc. con 100 mq di superficie avrebbe pagato di Tares 2.760,30 euro contro i 680 euro di Tarsu applicata dal nostro comune. Cioè avrebbe dovuto pagare circa il quadruplo rispetto a quanto dovuto per il 2013! Paradossalmente altre tipologie di attività avrebbero invece beneficiato dell’applicazione della Tares. Ad esempio: Banche ed istituti di credito per 500 mq avrebbero pagato di Tares 1.002,00 euro contro i 2.235 euro che pagano oggi di Tarsu. Il mantenimento della Tarsu in vigore fa sì che si mantengano anche tutte le esenzioni e le agevolazioni previste dal nostro comune per diverse tipologie di soggetti: si applica la tariffa ridotta del 50% nei seguenti casi nel caso di unità immobiliari occupate da una sola persona con reddito di pensione minima; nel caso di unità immobiliari che siano tenute a disposizione per uso stagionale o altro uso discontinuo; nel caso di unità immobiliari ubicate in zone non servite dal servizio di raccolta (con cassonetti oltre 500 metri); i nuclei familiari iscritti all’Aire. Si applica la tariffa ridotta del 30% nei seguenti casi: qualora nel nucleo familiare sia presente un soggetto disabile. Si applica l’esenzione totale: se l’immobile è posseduto da pensionati, in cui il reddito complessivo dell’intero nucleo familiare non sia superiore al doppio del minimo della pensione Inps; alle giovani coppie per i primi 6 anni dal matrimonio con reddito Isee inferiore a € 10.000; agli invalidi di guerra; agli invalidi sul lavoro.

L’Imu sugli immobili sulle seconde case è pari all’1,60 %.

Il comune ha previsto che nel caso in cui la seconda casa (e relative pertinenze), sia concessa in comodato a parenti in linea retta entro il primo grado (figli o genitori) che la utilizzano come abitazione principale, limitatamente alla seconda rata dell’imposta municipale propria, la stessa è equiparata all’abitazione principale.

http://www.lametino.it/Ultime/lamezia-le-misure-fiscali-adottate-dal-comune-per-il-2013.html

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 13 gennaio 2014 in Notizie & Politica

 

Tag:

 
Il Resto del Caffè

Antiquotidiano di informazione e cultura

camperista59

This WordPress.com site is the bee's knees

Contro*Corrente

by Gianluca

Tutto il Fango Minuto per Minuto

✰ ✰ ✰ ✰ ✰ la Controinformazione ✰ ✰ ✰ ✰ ✰

CARLOANIBALDIPOST.COM

HannibalCarlo WordPress blog, just another

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: