RSS

Archivio mensile:dicembre 2014

Petizioni Change.org: Qualcosa di speciale.


Ciao Giovanni,
Il giorno in cui hai firmato la tua prima petizione su Change.org sei diventato parte di qualcosa di grande. Ora le persone, dappertutto, stanno cambiando le cose, e tu sei protagonista di tutto questo, perché fai parte di una comunità composta da 3 milioni di persone soltanto in Italia.
Quest’anno tante petizioni hanno vinto creando ‪#‎qualcosadispeciale‬: Gennaro ha ottenuto protezione e tutela come testimone di giustizia; Stefano ha fatto togliere il segreto di Stato sui documenti che riguardano la morte di Ilaria Alpi e il traffico di armi e rifiuti; Annamaria di CIWF Italia ha fatto chiudere il macello degli orrori di Beirut dove gli animali morivano tra atroci sofferenze; Sabri ha contribuito al riconoscimento del record di Elham, nuotatrice iraniana, dando una spinta incredibile al movimento per i diritti delle donne in tutto il mondo; Laura ha impedito alla Fineco bank di pignorarle la casa; Ivan ha difeso la memoria dell’eroe antimafia Peppino Impastato e Giuliana è riuscita a trasformare il dolore per la morte di suo figlio in un gesto di altruismo e solidarietà.
Per queste battaglie vinte, ti vorremmo ringraziare con un video e ricordarti, ancora una volta, che su Change.org chiunque può fare ‪#‎qualcosadi‬… a te va di cominciare ora? Dai, dobbiamo fare del 2015 un anno ancora migliore.
Auguri!
Salvatore, Elisa, Luca, Allegra di Change.org
P.S. per la prima volta vedrai anche i nostri volti

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 30 dicembre 2014 in Notizie & Politica

 

Tag:

Calabria: Due scosse di terremoto ravvicinate con epicentro in Sila.


sila_2014_terremoto.jpg

Lamezia Terme – Una scossa di terremoto di tipo ondulatorio, durata almeno 30 secondi, è stata avvertita in serata intorno alle 22:44 in Calabria. Entrambe le scosse si sono registrate sull’altopiano della Sila. La prima di 4.4 gradi alle 22:43 mentre la seconda si è verificata tre minuti dopo, alle 22:46, ed è stata di 3.3. La profondità per la prima era di solo 11,1 km mentre la seconda di 10,5 km di profondità.

http://www.lametino.it/Cronaca/calabria-due-scosse-di-terremoto-ravvicinate-con-epicentro-in-sila.html

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 28 dicembre 2014 in Notizie & Politica

 

Tag:

Reddito di Cittadinanza Movimento Cinque Stelle.


m5s (1) m5s (2) m5s (3) m5s (4) m5s (5) m5s (6) m5s (7) m5s (8) m5s (9) m5s (10) m5s (11) m5s (12) m5s (13) m5s (14) m5s (15) m5s (16) m5s (17)istat

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 23 dicembre 2014 in Notizie & Politica

 

Tag:

Caso Marlane: tutti assolti. Nessun disastro ambientale.


marlane_-_tutti_assolti

Si chiude dopo più di 13 anni nel Tribunale di Paola il processo alla cosiddetta fabbrica dei veleni. Una sentenza accolta con dolore dai parenti dei lavoratori morti di cancro

Tutti assolti. Cala il sipario su Marlane, la fabbrica che era stata definita dei veleni. Il dispositivo della sentenza giunge attorno alle 20, dopo circa dieci ore di camera di consiglio. Il presidente Domenico Introcaso lo legge di un fiato senza fermarsi. Nessun disastro ambientale, nessun colpevole. Le parti civili e il comitato di bonifica dei mari e fiumi della Calabria ascoltano impietriti. In aula cala il silenzio. Erano rimasti in pochi perché operai e famiglie fiutando un verdetto sfavorevole avevano già accettato la transazione proposta ottenendo i relativi risarcimenti.
L’accusa in poche parole non ha retto. Del resto era molto difficile stabilire il nesso di causalità tra le morti e i tumori contratti. Le perizie sono inoltre state scardinate punto per punto dai legali degli imputati, basate secondo gli stessi su dati poco o affatto dimostrabili. Eppure il processo e prima ancora l’attività di indagine erano nati grazie a precise denunce degli operai della fabbrica che a seguito di alcune morti sospette hanno deciso di raccontare tutto ai pm.

L’accusa della Procura della Repubblica di Paola è stata incentrata sul fatto che i materiali utilizzati all’interno e le lavorazioni (in particolare nel reparto tintoria) sarebbero state causa di tumori e decessi per decine e decine di operai. Centosette i casi che sono stati contestati. Rilievi anche per un deposito irregolare di scarti di lavorazione all’esterno del fabbricato. Ma il gruppo Marzotto ha sempre respinto ogni accostamento sostenendo la sua estraneità su quello che accadeva nella fabbrica. Così anche come gli altri imputati.
Un processo dai grandi numeri. L’indagine è rimasta tra procura e gip per 13 anni. Si è giunti al rinvio a giudizio dopo sei udienze preliminari. 12 persone, inizialmente 13 (una è poi deceduta) sono arrivati a processo. L’accusa rappresentata dai pm Linda Gambassi e Maria Camodeca aveva chiesto circa 64 anni di carcere per gli imputati. Il giudice Domenico Introcaso (a latere Annamaria Buffado e Pierpaolo Bortone) ha invece stabilito che Pietro Marzotto (già conte di Valdagno e presidente dell’associazione industriali di Vicenza), Silvano Storer (ex amministratore delegato del gruppo), Jean De Jaegher (consigliere dell’associazione europea delle industrie tessili e presidente della Marzotto Usa dal ’95 al ’98),Lorenzo Bosetti (ex-sindaco di Valdagno e consigliere delegato e vicepresidente della Lanerossi), Vincenzo Benincasa, Salvatore Cristallino, Carlo Lomonaco (ex-responsabile tintoria e sindaco di Praia), Giuseppe Ferrari, Lamberto Priori, Ernesto Antonio Favrin(vicepresidente vicario della Confindustria Veneta), Attilio Rausse e Ivo Comegna sono assolti dai reati loro ascritti perché il fatto non sussiste. I pm avevano chiesto solo l’assoluzione per Comegna mentre erano stati duri in particolare con Lomonaco (richiesta di 10 anni) e il conte Marzotto (6 anni). Introcaso ha inoltre stabilito la restituzione di quanto in sequestro agli aventi diritto. La motivazione entro novanta giorni. Per un eventuale processo in Appello bisognerà attendere la decisione delle parti civili (i comuni di Praia e Tortora, Legambiente, Cgil e regione Calabria) e della procura. Il processo è stato incentrato sull’attività aziendale della Marlane, azienda produttrice di filati di Praia a Mare che ha chiuso definitivamente i battenti nel 2007.
L’inchiesta durata dieci anni è stata condotta in prima persona dal procuratore capo Bruno Giordano. Tutto è partito quasi per caso, da alcune riunioni di ambientalisti che alla fine degli anni 90 si tenevano sul Tirreno cosentino. In queste riunioni si discuteva di elettromaghetismo, di erosione costiera e di discariche. Ma a nche di tumori e dell’elevato tasso che si registrava sul territorio. Proprio in uno di questi incontri si presentano Luigi Pacchiano e Alberto Cunto operai della Marlane che raccontarono il dramma di colleghi colpiti dal cancro e morti uno dopo l’altro. Mietuti dalla malattia dopo tante sofferenze. Lo stesso Pacchiano tre mesi fa ha prodotto un cd dove, secondo alcune testimonianze raccolte e registrate, durante il processo si decideva prima “cosa dire e cosa non dire”. (Gazzetta del Sud – F.ma.)

http://www.lameziainstrada.it/dalla-calabria/cronaca/caso-marlane-tutti-assolti-nessun-disastro-ambientale.html

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 20 dicembre 2014 in Notizie & Politica

 

Tag:

Lamezia: Blitz della Guardia di Finanza in uffici Provincia, arrestato ex sindaco Pianopoli per assenteismo


Guardia-di-finanza-Lamezia.jpg

Lamezia Terme  – Non si conoscono ancora i particolari della vicenda ma, a quanto pare, nella giornata di ieri, diverse pattuglie della Guardia di Finanza del Gruppo lametino coordinate dal comandante Fabio Bianco, hanno effettuato un “blitz” negli uffici del settore politiche agricole della Provincia, nella sede distaccata in via Anile, vicino piazza Mazzini. I finanzieri, secondo quanto trapelato, avrebbero effettuato dei controlli all’interno dell’ufficio della Provincia per verificare se tutti i dipendenti erano presenti sul luogo di lavoro ed, a quanto pare, hanno colto qualcuno in fallo. Infatti, dagli accertamenti delle fiamme gialle, sarebbe emerso che due dipendenti dell’ufficio provinciale, pur risultando presenti, di fatto non erano sul luogo di lavoro. Sono subito scattate ricerche dei due dipendenti che hanno portato a rintracciare uno degli ”assenteisti”, Rodolfo Cuda, ex sindaco di Pianopoli, il quale sarebbe stato sorpreso a lavorare (anche in “nero”) all’interno dell’azienda della figlia mentre il secondo “assenteista” non è stato rintracciato. Al termine dell’udienza di convalida avvenuta in giornata, e durante la quale la difesa ha chiesto il patteggiamento della pena, il giudice ha deciso di convalidare l’arresto con 8 mesi, con pena sospesa, e 200 euro di multa.

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 17 dicembre 2014 in Notizie & Politica

 

Tag:

Lamezia: Donna muore in ospedale a 24 ore dal parto, disposta autopsia.


Ospedale_Lamezia_Terme2.jpg

Lamezia Terme – Una donna, Angela Mano di 43 anni di Amantea, dopo 24 ore dal parto cesareo per dare alla luce il suo secondogenito, è morta ieri presso l’ospedale di Lamezia. La donna si sarebbe sentita male attorno alle due di ieri pomeriggio. I medici in servizio hanno cercato di rianimare la donna anche tramite massaggio cardiaco ma la paziente, poco dopo le 15 di ieri, è comunque deceduta. Sarà ora l’autopsia, richiesta dal marito al magistrato di turno, a stabilire le reali cause del decesso. Solo allora, con i risultati autoptici, i familiari potrebbero eventualmente presentare una denuncia. Dall’ospedale si parla di un evento eccezionale ma possibile e che si sarebbe trattato o di un “infarto acuto del miocardio” oppure di una “trombo-embolia massiva polmonare”. Le cause che hanno comunque condotto al decesso della donna saranno accertate ora dall’autopsia che sarà eseguita, con ogni probabilità, nella giornata odierna.

http://www.lametino.it/Cronaca/lamezia-donna-muore-in-ospedale-a-24-ore-dal-parto-disposta-autopsia.html

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 12 dicembre 2014 in Notizie & Politica

 

Tag:

Immagine

Mare di Calabria.


tropea

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 9 dicembre 2014 in Relax & Turismo

 

Tag:

 
Il Resto del Caffè

Antiquotidiano di informazione e cultura

camperista59

This WordPress.com site is the bee's knees

Contro*Corrente

by Gianluca

Tutto il Fango Minuto per Minuto

✰ ✰ ✰ ✰ ✰ la Controinformazione ✰ ✰ ✰ ✰ ✰

CARLOANIBALDIPOST.COM

HannibalCarlo WordPress blog, just another

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: